Cake al latte condensato

Io delle due gestore di codesto luogo sono quella che è intollerante solo al genere umano, vi avevo avvisato. Se siete intolleranti al lattosio o ci tenete a mangiare sano evitando zuccheri e peccati di gola, oggi giratevi dall’altra parte o cercate delle immagini di gattini simpatici.

Questo plumcake dall’aria innocua penso sia una delle cose più prepotentemente caloriche che potete sbafarvi a colazione senza dare al prossimo l’impressione di essere delle bestie assetate di zucchero. L’unico ingrediente spacciabile come salutista che contiene è il limone. Per l’amor del cielo, comprate limoni siculi o di Sorrento e possibilmente non trattati. Voglio molto bene all’Argentina (noi intolleranti oltre al dulce de leche e a Piazzolla le dobbiamo il grafico di codesto blog, per dire) e anche al Cile, ma se riesco a evitare di far fare voli intercontintentali agli agrumi preferisco, ecco.

Ma basta considerazioni da puffi naturoni. Ecchive la ricetta, dono all’internet dell’ottima Araba Felice.

 

CAKE AL LATTE CONDENSATO

IMG_20130228_223413

Cosa vi serve

una lattina di latte condensato da 397 grammi, come quella della foto

4 uova

burro, 50 gr

farina, 120 gr

il succo di un limone

1 presa di sale

1 bustina (ma anche 3/4 va benissimo) di lievito per dolci

Se volete glassarlo, vi serviranno anche:

zucchero a velo, 150 gr

succo di limone QB (circa 2 cucchiai)

scorza di limone grattugiata per decorare

Come si fa

Accendete il forno a 170° e foderate uno stampo medio da plumcake con della carta forno bagnata e strizzata.

Buttate nella ciotola del robot da cucina o della planetaria le uova, il latte condensato, il burro fuso nel microonde e lasciato raffreddare, il sale e il succo di limone e azionate l’aggeggio infernale (se avete la planetaria, usate la foglia: se state usando un robot da cucina, vanno benissimo le lame classiche) finché non si amalgama tutto. Aggiungete la farina setacciata con il lievito e fate andare di nuovo finché non ottenete un impasto uniforme. Fatto? Versatelo nello stampo e infornatelo nel forno già caldo per circa 40 minuti. Fate la prova stecchino: punzecchiatelo con uno stuzzicadenti o uno spaghetto, se fuoriesce asciutto è pronto.

Sfornatelo e aspettate circa 5 min prima di metterlo a raffreddare su una gratella con tutta la sua carta forno. Spogliate il cake con fare lascivo solo quando è completamente freddo, o rischiate di sbudellarlo tutto quanto. Un po’ di pazienza, suvvia.

A questo punto, vi consiglio caldamente di glassare la torta: in questo modo, si conserverà morbida per almeno 3 o 4 giorni. Posizionate il cake su un piatto da portata foderato con due fogli di stagnola e mettete da parte la scorza del limone grattugiata con una grattugia a fori larghi o con un rigalimoni.

A questo punto, aggiungete allo zucchero a velo tanto succo di limone quanto basta per ottenere una glassa colante ma non troppo. Versatela sul cake, aspettate qualche secondo per farla colare sui lati (eventualmente aiutatevi con una spatola) e cospargetela con la scorza di limone. Lasciate asciugare…

IMG_20130301_003429

…e godetevi la colazione.

IMG_20130301_171948

Caccivia

Annunci

Un pensiero su “Cake al latte condensato

  1. Pingback: Picchi glicemici for free | Ufficio di Coccolamento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: