Fregola libidinosa con salsiccia e zafferano

Non è che son lussuriosa. Sono solo una donna onesta che è stata in Sardegna ed è rimasta folgorata sulla via della fregula sarda. Come non potevo farmi intrigare da una pasta supermeticcia, un po’ cous cous e un po’ risotto?

La trovate al supermercato nella sezione paste buffe per appassionati di cucina o, se come me avete un ermetico panettiere sardo sotto casa, nei negozi specializzati. Si cucina risottandola: 20 minuti, duetegamidue da lavare e siete a posto, quindi è perfetta per le serate più pigre e viziose.

Il condimento con salsiccia (rigorosamente col finocchietto: se non la trovate, rimediate aggiungendo agli ingredienti un cucchiaino di semi di finocchio) e zafferano è uno dei più tradizionali, quindi non vi propongo nulla di rivoluzionario… voglio solo darvi uno spunto per una pasta meno noiosa del solito!
Sardi, vi prego, perdonatemi.

FREGOLA LIBIDINOSA CON SALSICCIA E ZAFFERANO

(per 3 persone)

IMG_20130817_213739

Cosa vi serve

fregola sarda, 200 gr

 acqua calda, circa 600 ml

zafferano in polvere, 1 bustina

salsiccia ai semi di finocchio, almeno 150 gr

vino bianco secco, una spruzzata

cipolla (meglio se di Tropea), 1

uno spicchio d’aglio

timo

olio d’oliva

una manciata di pecorino sardo stagionato grattugiato

Come si fa

Mettete a bollire un pentolino d’acqua calda e salatela leggermente. Appena bolle, versateci dentro la bustina di zafferano e spegnete il fuoco.

In un tegame con il coperchio, soffriggete nell’olio lo spicchio d’aglio pelato e schiacciato. Nel frattempo, tritate finemente la cipolla di Tropea. Appena l’aglio è dorato, gettatelo via e versate la cipolla nell’olio caldo. Lasciatela dorare a fuoco dolce finché non diventa trasparente e intanto spellate e sbriciolate la salsiccia.

Quando la cipolla è cotta, versate la salsiccia nel tegame e alzate il fuoco. Soffriggetela per un minuto e sfumate con il vino, aggiungete una presa di timo e lasciatela cuocere per qualche minuto. A questo punto versate nel tegame la fregola: tostatela a fuoco vivace per un minuto (come fareste per un risotto, insomma: regolatevi voi) e bagnatela con qualche mestolo di acqua calda. Continuate a bagnarla man mano che si asciuga finché non sarà cotta; ci metterete circa venti minuti.

Versate la fregola nelle fondine e mettetela in tavola insieme al pecorino. Ogni commensale deciderà se e quanto innevare il proprio pezzetto di paradiso: il formaggio sulla pasta è un diritto, non un dovere!

Caccivia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: