Aggiungi un posto a tavola, ma anche no

Succede che le persone sono socievoli e ti invitano a cena con le migliori intenzioni, ma fanno i disastri lo stesso. So molto bene che a caval donato non si guarda in bocca e che l’educazione prima di tutto e che non si dice mai di no, di fronte al cibo offerto (“pensa ai bambini in Afffrica, che muoiono di fame!”), fidatevi. Ma che senso ha fare i bravi bambini in un blog come questo?

Sotto con la top five delle brutterie che incontriamo quando mangiamo a casa di amici, dunque. Niente inibizioni.

05. Due cuori e un piatto di plastica

piattidiplastica

“Avevo judo.”

A nessuno piace lavare i piatti, e ochei. Ma non costringermi a impugnare coltelli che non tagliano e forchettine per nani (facendomi implicitamente notare che per me NON VUOI NEANCHE LAVARE DUE PIATTI IN PIÙ), se a tavola non siamo un esercito e tu hai più di 15 anni.

04. Cip cip

miniporziony

Cip cip cip

Mi rendo conto che sarebbe pure estate e che c’è la prova costume e tutto quanto, ma 50 grammi di pasta e un pinzimonio di carote mezze mosce “per stare leggeri” non sono una cena per esseri umani. Sono cibo per pennuti, e io non ho le piume e non scagazzo sulle cose. Se ci tieni posso cominciare con il tuo divano, però.

03. Sobrietà

Il sugo costa, c’è crisi, l’economia ci strangola. Ma cos’ho fatto di male, per meritarmi due etti di pasta palliduccia e appiccicosa condita se va bene con mezzo cucchiaio di salsa? E BUTTALA, ‘STA PASSATA. BUTTALA.

pastatriste

Ogni spaghetto sta solo sul cuor del piatto / trafitto da un raggio di sugo / ed è subito ospedale

02. Basta crederci

Il primo è di Barbieri, il secondo è di Cracco e il dolce di Montersino“, dissero servendoti spaghetti al pomodoro, uovo al tegamino e tiramisù. Sì. Certo.

Mecojoni

“Mecojoni.”

01. Profumi d’oriente da Cinisello Balsamo

La cucina fusion fa la sua porca figura, ma solo se avete una vaga idea di quello che state facendo. Documentatevi, date un’occhiatina in giro, sforzatevi un attimo o il fallimento è assicurato. Presente quello studente Erasmus che quando ancora avevate i brufoli e un residuo di gioventù per cercare di sedurvi vi ha fatto gli spaghetti col ketchup? Ecco.

Se non siete indiani, non avete mai letto nulla sulla cucina indiana perché “non vi piacciono le spezie” e magari votate pure Lega Nord, perché mi avete servito una broda insipida che secondo voi dovrebbe assomigliare a un chicken tikka masala? Se dei sapori del Marocco vi frega meno di zero, perché cercate di spacciarmi la peperonata della nonna per un raffinato couscous di verdure?

"Couscous bidawi alle due verdure"

“Couscous bidawi al maiale per tutti!”

Il sushi fatto in casa merita un discorso e un Imodium a parte. Sapete dove si compra l’alga nori per fare i maki? Bravi!

Ecco, lasciatela lì.

Caccivia

Annunci

Un pensiero su “Aggiungi un posto a tavola, ma anche no

  1. Pingback: Riso e lenticchie indo-calabro | LE INTOLLERANTI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: