Carbonara sudata di zucchine

Niente, a volte succede che arriva l’estate e c’è la coda, dal solito verduraio pugliese che ti spaccia le verdure. Aspetti 20 minuti in coda sotto il sole che le anziane che ti precedono decidano come nutrire le famigghie dei figli e dei nipoti e del vicino di casa per la prossima settimana e poi è il tuo turno e lui è lì. Raggiante. Panzuto. Mellifluo. “Prendo lo stretto indispensabile, brutta bestia”, pensi, “Non mi freghi anche questa settimana”.

Ecco, quelle volte lì succede che torni a casa pure più carica delle anziane.

E che ci fai con un kg di zucchine, col caldo che fa?

Io ho mandato a quel paese la tradizione, ecco.

IMG_20130614_135301

CARBONARA SUDATA DI ZUCCHINE

 

Cosa vi serve

(dosi per due persone)

170 gr di spaghettoni, possibilmente alla chitarra

1 grossa zucchina soda e saporita, o meglio 3 zucchine piccole

uova freschissime, 2

pecorino romano grattugiato, 30/40 gr (1 manciata)

4 foglie di basilico fresco

1 spicchio d’aglio

 olio d’oliva

sale e (molto) pepe

Come si fa

Fatevi coraggio e mettete su l’acqua per la pasta. Vi sono vicina.

Lavate e riducete a dadi piuttosto piccoli le zucchine. Pelate lo spicchio d’aglio (pelaaglio in silicone: MAI più senza), scaldate 2 cucchiai di olio in una padella e soffriggete il frutto del peccato finché non diventa dorato. Buttatelo via, o se siete delle bestie come me strofinatelo su una fetta di pane e mangiatevelo.

Buttate le zucchine nell’olio meravigliosamente agliato fatele dorare leggermente, salatele e pepatele e fatele saltare finché non saranno cotte ma ancora sode e scrocchiarelle. Spegnete il fuoco.

Toh, l’acqua bolle! Salatela e buttate gli spaghetti.

Nel frattempo sgusciate le due uova in una ciotola e, aiutandovi con una piccola frusta (più aria incorporate e meglio viene la carbonara), sbattetele con il pecorino grattugiato, mezzo piccolo di sale e una tonnellata di pepe. La carbonara deve il suo nome proprio alla tonnellata di pepe nero che ci sbattete dentro, quindi non abbiate inibizioni, vi prego! Tritate il basilico con una mezzaluna e mettetelo da parte.

Apparecchiate la tavola, tenete la ciotola vicino alla padella, preparatevi insomma, ché la carbonara è spietatissima.

Toh, la pasta è cotta! Rush finale. Scolatela molto bene, buttatela nella padella con le zucchine, versateci sopra il contenuto della ciotola e il basilico e mescolate molto velocemente. Dovreste ottenere due porzioni di cremosissima e peccaminosa carbonara estiva. Se avete esitato troppo (ve l’avevo detto, di tenere la ciotola vicino alla padella, eh) e l’uovo è completamente liquido, accendete il fuoco per mezzo secondo, spegnetelo subito e rimescolate come dei matti.

Lo so che avete sudato, ma credetemi: ne è valsa la pena.

IMG_20130614_142352

Da bere? Il raziocinio consiglierebbe del vino bianco, ma dalla regia mi dicono che c’è in giro qualcosa di più fresco.

Caccivia

Annunci

6 pensieri su “Carbonara sudata di zucchine

  1. Reduce da carbonare più simili a riso alla cantonese (con l’uovo praticamente strapazzato), ora evito l’increscioso inconveniente raffreddando con H2O fredda la pentola da cui scolai la pasta per poi sfruttarla per mischiare gli ingredienti, mi sono sempre chiesta se faccio bene! A proposito di riso alla cantonese, la sfida che vi lancio è produrre una ricetta il cui risultato sia veramente riso alla cantonese, sono anni che provo senza risultato!!!

    • Se funziona, fai bene 🙂 Io uso la padella in cui ho soffritto il guanciale/la roba da abbinare al mix uova+formaggio+pepe, semplicemente spengo il fuoco prima ancora di buttare la pasta. 11 minuti sono più che sufficienti per raffreddarla a sufficienza in casa mia, ma non esiste un fornello uguale all’altro… Io direi che ricetta che vince non si cambia, no? 🙂
      Per il riso alla cantonese sperimenteremo e ti faremo sapere. Finora non sono riuscita a ottenere nulla di soddisfacente neanche io 😐 Mylazia, tu?

      • Onestamente non ho mai provato a fare il riso alla cantonese a casa, ma… Challenge accepted! : D
        Voi volete qualcosa che sia praticamente identico a quello del ristorante cinese (in Italia) o volete migliorarlo?
        Tra l’altro, una leggenda metropolitana che mi hanno raccontato narra che il riso alla cantonese esiste in Cina come la salsa Alfredo esiste in Italia. Sarà vero? Se qualcuno con conoscenze cantonesi ci legge, si faccia avanti, pliiis.

  2. Fatta stasera! Ho aggiunto curry, curcuma e poco coriandolo. Ho cannato le dosi, abbondo sempre, ma mi è piaciuta, l’avevo comunque già fatta anche sostituendo le zucchine con i peperoni!

  3. Pingback: Riso alla cantonese – Chinese fried rice, the Italian way | LE INTOLLERANTI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: